Vacanze Romane

Ve le ricordate le vacanze di una volta? Duravano 3 mesi! Oddio, non erano delle vere e proprie vacanze. Noi bambini degli anni 50/60 eravamo parcheggiati al paese di origine dei nostri genitori, ma custoditi dalle nostre nonne. Ora non più.

Ora ci sono le settimane bianche, i viaggetti fuori stagione, così le ferie estive si riducono a 7/12 giorni. E tutto il tempo agostano che ci rimane come lo passiamo? Calma: per noi c’è Roma.

Consigli per un’estate deliziosa. 1) Indossare gli occhi del viaggiatore straniero; 2) Guardare tutte le iniziative del Comune di Roma; 3) Seguire spettacoli di teatro, balletto, opera, concerti e cabaret; 4) Partecipare a viste guidate o no, per “capire” meglio quante bellezze ci offre la città eterna; 5) Lasciarsi 1/2 giorni per una scampagnata “for de porta” con pranzetto in loco (Evidenzio per l’offerta di antichità e monumenti: Tivoli, Palestrina, Licenza,Bracciano, Sutri, Nepi, Ronciglione, Cerveteri, Tarquinia, ecc.).

Infine, prendersi il tempo. Per passeggiare lungo il Tevere all’ora del tramonto; per vagare negli spazi verdi del Foro Italico; per scoprire nei giorni feriali le viuzze del centro storico; per apprezzare le opere idrauliche dei nostri progenitori latini, magari attraversando il Parco degli Acquedotti.

Mi fermo, rischio di esagerare…poi non vi bastano i giorni! Un’ultima annotazione: non sarebbe male, facendo tutto questo, ascoltare i Mattia Bazar: Vacanze Romane.

Condividi